Consigli per una corretta pulizia domestica

La casa è uno degli ambienti in cui trascorriamo più tempo, è, quindi, importante per la nostra salute la condizione igienica del luogo in cui viviamo.

Già dal nostro arredamento ci si può rendere conto che ci sono fattori che possono determinare l'accumulo di polvere (tende pesanti e difficili da lavare, tappeti, moquette…) e di materiale organico che spesso portiamo in casa attraverso la suola delle scarpe o gli oggetti che utilizziamo fuori. Tutti questi oggetti possono diventare, con il trascorrere del tempo, un nido in cui i batteri proliferano. Ciò può provocare disturbi respiratori o allergie negli abitanti della casa.


Se è possibile, meglio ridurre le cause di accumulo dello sporco, altrimenti, è opportuno, aggiungere qualche precauzione in più, come lavarsi le mani quando si torna a casa o consigliare ai membri della famiglia di pulirsi le scarpe prima di entrare in casa. Per esempio, potreste mettere dei simpatici promemoria nell'ingresso, in cucina e in bagno, magari disegnandoli insieme ai vostri figli.


Molto spesso gli animali domestici, i giocattoli e i peluches sono le principali cause dei mali di stagione o delle allergie nei bambini. Per proteggere il bambino è, quindi, opportuno che il suo cane o gatto siano puliti e curati; stessa cosa vale per i giocattoli: anch'essi devono essere periodicamente lavati con cura.


Per abbattere i microbi da vestiti e biancheria è sufficiente un lavaggio a 60°. Ma, a volte, ci dimentichiamo di pezze, strofinacci, e spugne per le pulizie. Questi sono i maggiori veicoli di microbi e, quindi, di malattie, perciò è importante ricordarsi di lavarli regolarmente.

É, inoltre, preferibile, una volta all'anno, lavare qualsiasi indumento o strumento che abbiamo in casa (non solo piatti, bicchieri e posate ma anche forbici, cacciaviti...). Questo perché, di frequente, i microbi si annidano in indumenti o utensili che utilizziamo di meno.